Politica fiscale

Consultazione
4.12.2015

Sì all’assistenza amministrativa estesa

Alliance Sud approva l’estensione dell’assistenza amministrativa nelle questioni fiscali proposta dal Consiglio federale. Questa si applicherà anche alle informazioni ottenute illegalmente.
Comunicato
2.11.2015

La Svizzera resta il nr. 1 dei paradisi fiscali

Secondo la nuova classifica del Financial Secrecy Index, la piazza finanziaria svizzera continua ad essere in testa nel nascondere i soldi dell’evasione fiscale e nel dissimulare i flussi finanziari illeciti.
Comunicato
2.6.2015

Riforma del sistema fiscale per le società

La Commissione indipendente per la riforma della tassazione societaria internazionale (ICRICT) chiede una riforma del sistema fiscale internazionale applicabile alle società.
Consultazione
26.1.2015

Riformate la riforma III !

Il regime fiscale svizzero delle imprese internazionali ha conseguenze importanti per le entrate dei paesi emergenti e in sviluppo. La consultazione di Alliance Sud sulla RI imprese III.
Comunicato
16.12.2014

Record per il denaro sporco dei paesi in sviluppo

A causa di flussi finanziari illeciti, ogni anno si producono buchi miliardari nei budget dei paesi in sviluppo. Responsabili sono gli evasori fiscali e i potentati corrotti che investono il loro denaro in paradisi fiscali.
Articoli di politica
3.4.2014

Glencore: ottimizzazione fiscale in Zambia

Diverse ONG, fra cui Alliance Sud, scrivono una lettera aperta alla Banca europea degli investimenti per chiederle di pubblicare le sue inchieste sulle pratiche di ottimizzazione fiscale di una miniera di Glencore in Zambia.
Articoli di politica
21.2.2014

Assistenza amministrativa per paesi in sviluppo

Il Consiglio federale vuole applicare lo standard attuale dell’OCSE in materia di trasparenza fiscale a tutti gli accordi sulla doppia imposizione esistenti. Un terzo dei paesi in sviluppo avrà così accesso all’assistenza amministrativa ampliata.
Articoli di politica
13.2.2014

Scambio d’informazioni anche ai paesi in sviluppo

L’OCSE ha pubblicato il 13 febbraio un accordo tipo di scambio automatico d’informazioni fiscali, i cui standard escludono di fatto i paesi in sviluppo.
Studio
23.1.2014

L'accordo fiscale discrimina i paesi poveri

Come risulta da un nuovo rapporto mandatato della DSC, il Consiglio federale discrimina fortemente i paesi in sviluppo in merito alle questioni fiscali. Questo conferma e rafforza le critiche fatte da Alliance Sud da diversi anni.