La Svizzera mostra poca solidarietà internazionale

13.4.2021
Comunicato
Le cifre pubblicate oggi dal Comitato di aiuto allo sviluppo dell'OCSE mostrano che la Svizzera non ha speso molto di più per sostenere i Paesi più poveri durante la crisi del Corona. Resta lontana dall'obiettivo internazionale dello 0.7% del RNL.

Comunicato di Alliance Sud del 13 aprile 2021

Poca solidarietà internazionale da parte della Svizzera nella crisi legata al coronavirus

Le cifre pubblicate oggi dal Comitato di aiuto allo sviluppo dell'OCSE mostrano che la Svizzera non ha aumentato il suo impegno finanziario per sostenere i Paesi più poveri durante la crisi legata al coronavirus. La Svizzera rimane lontana dall'obiettivo concordato a livello internazionale di utilizzare lo 0,7% del suo reddito nazionale lordo (RNL) per l'Aiuto Pubblico allo Sviluppo (APS).

Benché la percentuale del RNL che la Svizzera consacra all’APS sia leggermente aumentata passando dallo 0,42% allo 0,48% [1] – anche a causa del calo di questo stesso reddito nel 2020 – il tasso di APS del nostro Paese rimane molto al di sotto dell'obiettivo del 0,7% concordato a livello internazionale. Il tasso di APS colloca il nostro Paese dal 9° posto nella classifica dell'OCSE, dietro a Svezia, Norvegia, Lussemburgo, Danimarca, Germania, Inghilterra, Paesi Bassi e Francia (Paesi che non includono le spese relative all’asilo nel loro APS, o in misura molto minore).

Nonostante la diminuzione dei costi relativi all’asilo nel 2020, conseguenza della pandemia, la Svizzera rimane uno dei Paesi che utilizza maggiormente il margine di manovra concesso dall'OCSE nell'assegnare all'APS le spese relative all’asilo. Se si sottraggono le spese per i richiedenti l’asilo nel loro primo anno di soggiorno (denaro che viene in maniera assurda conteggiato come Aiuto Pubblico allo Sviluppo), il tasso di APS della Svizzera è addirittura solo dello 0,44%.

"Anche se lo scorso anno la Svizzera ha aumentato leggermente la sua spesa per lo sviluppo, questo finanziamento è ancora insufficiente in rapporto al massiccio aumento dei bisogni", spiega Kristina Lanz, responsabile della politica di sviluppo presso Alliance Sud.

La povertà e la fame stanno aumentando drammaticamente

In pochi mesi, la crisi legata al coronavirus ha cancellato gran parte dei progressi fatti nella lotta contro la povertà. La Banca Mondiale stima che nel 2020 tra 88 e 115 milioni di persone sono cadute nella povertà estrema a causa della crisi legata al coronavirus, e che altri 150 milioni verranno ad aggiungersi entro la fine di quest'anno. Questo significherebbe che alla fine del 2021, quasi il 10% della popolazione mondiale vivrebbe in situazione di estrema povertà (con un reddito inferiore a 1,5 dollari al giorno). Applicando una soglia di povertà leggermente più realistica pari a 5,5 dollari, quasi la metà della popolazione mondiale vivrebbe in situazione di povertà entro la fine di quest’anno.

Allo stesso tempo, la fame nel mondo è quasi raddoppiata dall'inizio della crisi. Secondo il Programma Alimentare Mondiale (PAM), circa 270 milioni di persone sono attualmente sull'orlo della carestia. Mentre la crisi climatica continua ad aggravarsi in molte parti del mondo, diversi Paesi sono già minacciati dalla bancarotta pubblica. "Se la comunità internazionale vuole evitare crisi economiche massicce, conflitti e fragilità crescenti, crisi migratorie e future pandemie, i Paesi ricchi devono risolversi a stanziare risorse adeguate per combattere la povertà e le disuguaglianze", dice Kristina Lanz. "Essendo uno dei Paesi più ricchi del mondo, la Svizzera ha una responsabilità a livello globale in questo campo e non deve mostrare solidarietà solo all'interno dei suoi confini.”

Per ulteriori informazioni:

Kristina Lanz, responsabile della politica di sviluppo presso Alliance Sud, tel. 076 295 47 46

[1] Il tasso di APS è calcolato in percentuale del RNL, quindi se il RNL diminuisce, il tasso aumenta anche se le risorse rimangono le stesse.

(Traduzione: Valeria Matasci)